Biennale Innovazione inizia nel 2015. Nasce come un evento complesso e articolato con l’obiettivo di proporre al Veneto e all’Italia un appuntamento dedicato negli anni dispari all’innovazione e negli anni pari all’impresa. Due momenti di incontro dove fare il punto della situazione, imparare confrontandosi con imprenditori, manager e ricercatori e acquisire una visione vincente e propositiva del nostro fare economico. Due appuntamenti in stretta relazione: mutazioni e stimoli costruttivi, iniziativa produttiva e lavoro.

Perché è nata Biennale Innovazione?
 
 
Biennale Innovazione 2015
Biennale Innovazione 2016

Quali sono i trend dell’innovazione? Quale ruolo dell’innovazione? Come “fare” innovazione nel nostro territorio? Quale rapporto esiste tra l’innovazione e l’internazionalizzazione? Quale “valore” ha l’innovazione nell’impresa? Queste sono alcune questioni che costituiscono la spinta che ha dato l’avvio all’iniziativa.
Biennale Innovazione è rivolta soprattutto agli imprenditori ovvero a chi assume il rischio d’impresa nelle attività economiche e produttive del nostro territorio. Queste persone saranno coinvolte in un processo di conoscenza volto a cambiare/innovare i modi di pensare e di fare che si auspica risulti utile a migliorare il livello di responsabilità che loro incarnano.
Biennale Innovazione vuole essere un grande evento dedicato all’innovazione di pensiero che ogni due anni aprirà le porte a positive mutazioni dove l’economia della conoscenza e dei servizi innovativi si muovono all’unisono per pianificare i nuovi percorsi della ricerca applicata allo sviluppo competitivo internazionale. Un format che pervade e mette a contatto settori e iniziative diverse: l’arte con la scienza, la sostenibilità con la tecnologia, il cibo con la cultura.
Un evento che intende coniugare un’altissima esperienza professionale e formativa con elementi, propri della moderna società cross-mediale, di divulgazione e trasferimento delle competenze acquisite.
L’evento vuole reinventare il mondo per ripensare l’impresa e porta così all’attenzione l’imprescindibile necessità di una contaminazione culturale che giunga a pervadere ogni attimo della vita dell’uomo, tanto nella sua sfera privata quanto in quella professionale e d’impresa.